La prevenzione e la diagnosi precoce della sordità nel bambino

sordita-nel-bambino-dott-ssa-simonetta-calamita-otorino

La sordità nel bambino è sempre un problema grave e complesso.
È necessaria una diagnosi precoce, possibilmente entro il V mese di vita, per poter prendere tempestivamente tutti i provvedimenti terapeutici e riabilitativi di volta in volta necessari, secondo quanto stabilito dalla “Consensus Conference on Neonatal Hearing Screening”.

Come sempre uno sforzo deve essere rivolto a una efficace prevenzione, in sintonia con un programma specifico dell’OMS e dell’Agenzia Internazionale –Hearing International per la prevenzione delle sordità.

Per quanto riguarda le dimensioni del fenomeno è stato calcolato, da fonti Istat, che in Italia circa 5.000.000 di persone presentano turbe uditive e fra queste circa 70.000 sono considerate con un termine a dir poco anacronistico “ sordomute”, nel senso che presentano sordità profonda dalla nascita e conseguentemente notevoli alterazioni nella formazione e nella maturazione del linguaggio, unitamente ad un grave impedimento nella comunicazione verbale.

A tal proposito è risaputo che il linguaggio verbale e la comunicazione del paziente sono appresi in gran parte nei primi 3 anni di vita , quando la plasticità cerebrale è massima, quindi più lungo è il silenzio peggiori saranno i risultati.

Alla diagnosi precoce deve seguire anche il trattamento immediato, che, oggi si può avvalere di 2 strumenti protesici, vale a dire la protesi acustica e l’impianto cocleare, entrambi supportati da una adeguato training logopedico, è per questo che si parla di trattamento protesico riabilitativo.
La conoscenza del problema e le reali possibilità di intervento rendono la figura dell’otorinolaringoiatra e del foniatra perno fondamentale per l’individuazione, fin dal suo inizio di ogni forma di ipoacusia per la sua cura e il suo follow up al fine di un ottimale recupero di tutti quei bambini che presentano una qualche forma di sordità.

Dott.ssa Simonetta Calamita
Specialista Orl
Allergologia pediatrica
Foniatra
Disturbi respiratori del Sonno

Related articles

radiofrequenza-dei-turbinati-dott-ssa-simonetta-calamita-otorino

Ostruzione respiratoria nasale: molto spesso i turbinati inferiori sono i responsabili

I turbinati inferiori sono strutture, tre per lato, situate all’interno delle fosse nasali. Le loro funzioni rivestono importanza fondamentale per il passaggio di aria, per il suo riscaldamento , umidificazione e filtraggio. Quando i turbinati si ipertrofizzano, per cause allergiche o riniti ricorrenti, essi tendono a chiudere le fosse nasali creando quella fastidiosa sensazione di […]

Leggi tutto
social-networks-stress-e-asma-bronchiale

Social Networks, Stress ed Asma Bronchiale

Internet ed in particolare i Social Networks, come Facebook, Instagram, Twitter, Linkedin, etc, fanno sempre più parte della vita quotidiana di molte persone sia adulti, sia giovani e adolescenti a cui piace essere in rapporto virtuale con altri che hanno interessi e obbiettivi simili e sempre più frequentemente, trascorrono il loro tempo con “Amici Virtuali” […]

Leggi tutto
disturbi-respiratori-del-sonno-piloti-aerei-dottoressa-simonetta-calamita

Studio “Cura e prevenzione dei disturbi respiratori del sonno”

Chi russa potrebbe nascondere patologie complesse che portano anche alla morte. Lo rivela lo studio “Cura e prevenzione dei disturbi respiratori del sonno” organizzato dal Rotary club di Fermo all’hotel San Crispino di Trodica di Morrovalle. Il Rotary ha finanziato lo studio dopo che un amico dell’ex presidente Alberto Valentini era morto per un’apnea notturna. […]

Leggi tutto