La prevenzione e la diagnosi precoce della sordità nel bambino

sordita-nel-bambino-dott-ssa-simonetta-calamita-otorino

La sordità nel bambino è sempre un problema grave e complesso.
È necessaria una diagnosi precoce, possibilmente entro il V mese di vita, per poter prendere tempestivamente tutti i provvedimenti terapeutici e riabilitativi di volta in volta necessari, secondo quanto stabilito dalla “Consensus Conference on Neonatal Hearing Screening”.

Come sempre uno sforzo deve essere rivolto a una efficace prevenzione, in sintonia con un programma specifico dell’OMS e dell’Agenzia Internazionale –Hearing International per la prevenzione delle sordità.

Per quanto riguarda le dimensioni del fenomeno è stato calcolato, da fonti Istat, che in Italia circa 5.000.000 di persone presentano turbe uditive e fra queste circa 70.000 sono considerate con un termine a dir poco anacronistico “ sordomute”, nel senso che presentano sordità profonda dalla nascita e conseguentemente notevoli alterazioni nella formazione e nella maturazione del linguaggio, unitamente ad un grave impedimento nella comunicazione verbale.

A tal proposito è risaputo che il linguaggio verbale e la comunicazione del paziente sono appresi in gran parte nei primi 3 anni di vita , quando la plasticità cerebrale è massima, quindi più lungo è il silenzio peggiori saranno i risultati.

Alla diagnosi precoce deve seguire anche il trattamento immediato, che, oggi si può avvalere di 2 strumenti protesici, vale a dire la protesi acustica e l’impianto cocleare, entrambi supportati da una adeguato training logopedico, è per questo che si parla di trattamento protesico riabilitativo.
La conoscenza del problema e le reali possibilità di intervento rendono la figura dell’otorinolaringoiatra e del foniatra perno fondamentale per l’individuazione, fin dal suo inizio di ogni forma di ipoacusia per la sua cura e il suo follow up al fine di un ottimale recupero di tutti quei bambini che presentano una qualche forma di sordità.

Dott.ssa Simonetta Calamita
Specialista Orl
Allergologia pediatrica
Foniatra
Disturbi respiratori del Sonno

Related articles

russamento-e-apnee-notturne

Russamento ed apnee notturne

Il russamento e le apnee rovinano il sonno. Il 10 % degli uomini e il 3 % delle donne durante la notte respirano con difficoltà, russano e fanno apnee. Il sonno è disturbato e disturbante. Questo può avere come conseguenza disturbi cardiaci, vascolari e sonnolenza diurna. È una patologia molto presente nella popolazione e ignorato […]

Leggi tutto
disturbi-respiratori-del-sonno-piloti-aerei-dottoressa-simonetta-calamita

Studio “Cura e prevenzione dei disturbi respiratori del sonno”

Chi russa potrebbe nascondere patologie complesse che portano anche alla morte. Lo rivela lo studio “Cura e prevenzione dei disturbi respiratori del sonno” organizzato dal Rotary club di Fermo all’hotel San Crispino di Trodica di Morrovalle. Il Rotary ha finanziato lo studio dopo che un amico dell’ex presidente Alberto Valentini era morto per un’apnea notturna. […]

Leggi tutto
allergia-alle-graminaceee-simonetta-calamita-allergologa-pediatrica

Combattere le allergie alle graminacee

Approfondiremo quelli che sono i tre pilastri per curare l’allergia: l’allontanamento degli allergeni (con alcuni utili suggerimenti), i farmaci sintomatici e l’immunoterapia specifica (vaccino antiallergico). L’allergia alle graminacee è probabilmente l’allergia più diffusa nel mondo, è costantemente in crescita e affligge milioni di persone in Italia da Aprile a Giugno. Come tutte le allergie, può […]

Leggi tutto